Imprenditore dona 4mila euro a Verdellino per l’emergenza alimentare

Imprenditore dona 3 mila euro a Verdellino

Zingonia è anche questo: il luogo dove un imprenditore dona 4mila euro al Comune per aiutare le famiglie in difficoltà. Accade a Verdellino, luogo troppo spesso associato a parole come degrado, spaccio, criminalità. Parole che hanno un’importante eco mediatica, di sicuro, ma che tralasciano completamente di raccontare una parte importantissima di questo territorio dove tanti, nonostante tutto, hanno deciso di stabilirsi e di costruire una casa, un lavoro, un’impresa di successo. Perchè qui, a Verdellino e in tutti i comuni di Zingonia, se c’è qualcosa che non manca è il senso di comunità. Nessuno viene lasciato indietro, nemmeno in situazioni di emergenza come quella che stiamo vivendo. Nessuno rimane senza cibo, grazie anche alla grande solidarietà dimostrata dai privati. Associazioni, privati cittadini ma anche imprenditori. Come quello che ha appena donato 3mila euro al Comune per aiutare le famiglie a fare la spesa. Si tratta, come ha spiegato il vicesindaco Umberto Valois che si è occupato di distribuire gli aiuti insieme al coordinatore della protezione civile Claudio Bonetti, di due tranche da 15 buoni spesa da 100 euro l’uno da poter spendere al supermercato per la spesa alimentare.

“I fondi arrivati per l’emergenza alimentare – ha detto Valois – non sono stati sufficienti a coprire tutto il fabbisogno dei cittadini. In più c’erano requisiti molto stringenti per accedervi, per cui non tutte le persone in difficoltà sono state aiutate con i buoni alimentari. Fortunatamente associazioni e privati hanno dato una grossa mano, dimostrando ancora una volta una grande solidarietà. Immenso è stato il lavoro della Caritas e della Protezione Civile  e un grosso grazie va a tutti coloro che hanno fatto donazioni liberali all’oratorio, che ha poi utilizzato i fondi per l’acquisto di beni alimentari distribuiti sempre da Caritas. Ora sono in arrivo a Verdellino degli ulteriori fondi per progetti sociali e di sostegno al commercio e alle attività industriali, sicuramente una parte sarà utilizzata proprio per le famiglie che non hanno di che comprare il cibo”.

Sulla scorta del vecchio adagio per cui il bene si fa ma non si dice il generoso imprenditore verdellinese ha preferito rimanere anonimo. A lui, e a tutti quelli che hanno donato quanto hanno potuto, va un grande, immenso, grazi

sullo stesso argomento

Ti è piaciuto l'articolo?
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Categorie
×

Ciao!

Da oggi puoi scriverci anche su  whatsapp!

×